BLOG casalingo -non commerciale- di LAVORI MANUALI

Per avere uno spazio dove condividere immagini e discorsi di lana, cotone, colori e quant'altro capiti a portata di mano per creare oggetti unici, speciali e irripetibili come lo siamo ciascuno di noi. Spero che scorrendo i post Si /Ti diverta e Le/Ti venga voglia di fare con le Sue/Tue mani... qualcosa di bello per un domani, perché no? aprire un blog tutto Suo/ Tuo... mi raccomando vorrei saperlo per visitarlo non appena possibile... per questo e per qualsiasi altra questione, domanda o inquietudine mio recapito è edicola.vezzosi@gmail.com Buona navigazione e Buon Divertimento ! ! !

BLOG casalingo -non commerciale- di LAVORI MANUALI


mercoledì 20 giugno 2018

MODELLISMO - INCONTRI - Duilio Curradi e il Titanic


Ben trovati amici e ben trovate amiche del blog….

Oggi, con immenso piacere, abbiamo la possibilità di incontrare Duilio Curradi.

L’ho conosciuto, insieme alla sua amabilissima Signora, già dai primi anni in edicola.

Non so bene dirvi in quale momento sapemmo del modello del Titanic da lui costruito.

Ricordo una volta in cui lo vidi salire in macchina e allontanarsi con un grande contenitore 
ben fissato sul tetto dell’auto. Sulla “custodia” campeggiava la scritta: R.M.S. Titanic.

Poi, navigando su internet, ho trovato molte notizie su Duilio Curradi e sui suoi modelli.

Ho saputo che è nato nel 1938 e che ha navigato cinque anni come ufficiale di macchina 
nella Marina mercantile. Adesso è uno dei maggiori esperti del Titanic.

Sul suo sito http://www.mitidelmare.it/ si trova una notevole raccolta d’informazioni 
interessanti. Io sono stata particolarmente colpita dalla pagina sui nodi marinareschi 


Ma lasciamo i preamboli e incontriamolo.




Egregio Capt D.M. Duilio. Anzitutto grazie per questo momento. Mi permetta di farle qualche domanda.

Come si è avvicinato al mondo del modellismo e come è arrivato a decidere di costruire il Titanic.

La mia passione per il modellismo navale nacque quando frequentavo la quinta elementare. 

Abitavo a Camogli quando vidi costruire un battello di legno destinato al trasporto passeggeri fra Camogli e il borgo di San Fruttuoso: il “Golfo Paradiso I”.

Io tentai di riprodurre, in piccolo, quel battello ma il risultato fu piuttosto deludente.

In ogni caso il seme era lanciato.

A questo proposito devo raccontare un fatto curioso. 

Terminai la costruzione del modello del Titanic proprio quando uscì il film di Cameron. Fui allora invitato a presentare il mio lavoro al Museo Marinaro di Camogli e, naturalmente, fui intervistato da una giornalista del Secolo XIX di Genova. Le raccontai anche di quando frequentavo la quinta elementare con il “mitico” maestro Mortola. La giornalista, con grande diligenza, raccolse molte informazioni proprio sul battello che cercai di riprodurre e pubblicò un articolo di quattro colonne sul quotidiano citando, naturalmente, il maestro Mortola.

Rientrato a Varese, fui raggiunto da una telefonata. Era proprio il mio maestro Mortola che mi disse che, poiché lo avevo tirato in ballo, aveva pensato di telefonarmi. Era il 1998. Erano trascorsi cinquanta anni da quella “quinta elementare”. L’ultima cosa che mi aspettavo era di risentire la voce del mio maestro. L’emozione fu grande anche perché, con sotto gli occhi la tradizionale foto della classe, mi seppe raccontare, con estrema lucidità, la storia di metà dei miei compagni di allora.

Perché proprio il modello del Titanic. Quando fu ritrovato il relitto di quella sfortunata nave io avevo da poco terminato la costruzione dei modelli di un paio di navi da carico. In entrambi avevo realizzato i locali interni con relativo arredamento.

Sollecitato soprattutto da alcuni colleghi di lavoro, che conoscevano il mio hobby, cominciai a cercare, seppure con grande difficoltà, informazioni su quel transatlantico.

Era una sfida notevole ma sono proprio le sfide impossibili che mi stimolano di più.


C’è stato qualche momento di maggiore difficoltà nel processo di costruzione?

La costruzione di questo modello è stata tutta una difficoltà.

I disegni disponibili, a metà degli anni ’80, erano molto pochi. Non si trovava il “piano di costruzione”, ovvero il disegno fondamentale che definisce la forma dello scafo. Le poche foto erano tutte, rigorosamente, in bianco e nero.

Mi lanciai comunque nell’impresa. Il primo scafo venne piuttosto male e i ponti superiori dovettero essere rifatti tre volte. Fui tratto in inganno anche dal fatto che il Titanic, al momento del varo, era uguale al precedente gemello Olympic, ma fu poi modificato in sede di allestimento.

Corressi lo scafo e le sovrastrutture grazie ad un libro che mi fu in seguito prestato da un appassionato della nave. Da questo libro potei estrarre alcune sezioni della nave che mi consentirono di correggere il disegno che, grazie ai miei ricordi scolastici risalenti all’Istituto Nautico, avevo realizzato. Trovai anche molte notizie sulla sistemazione dei locali.

Io volevo arredare internamente tutti i ponti superiori.

Come certamente saprete il Titanic era arredato con grande lusso e con numerosi stili diversi. Ebbi la fortuna di conoscere un restauratore di mobili antichi che mi aiutò ad individuare i colori prevalenti di ogni stile.

Per il resto ho lavorato di fantasia.

Il mio modello può essere considerato la migliore approssimazione possibile con le informazioni disponibili al momento della sua costruzione.

Certo. Dopo l’uscita del film di Cameron, trovai tante informazioni che mi mancavano, ma ormai il modello era finito e sigillato.


Secondo Lei qual è la sfumatura più interessante e affascinante del modellismo?

Il modellismo è un hobby molto specializzato e sofisticato che significa educarsi,
autogovernarsi, acquisire attitudini nuove.

Nel modellismo confluiscono pazienza, gusto della precisione, gioia dell’estetica.

Il modellista è un progettista, un disegnatore e un costruttore.

Quando, con altri amici modellisti, organizziamo delle mostre, cerchiamo di convincere le Autorità scolastiche e Comunali a portare i ragazzi delle scuole.

Quando vengono le scolaresche, chiediamo ai ragazzini quante mani hanno e quante dita ci sono in ogni mano.

La risposta è semplice ma la nostra raccomandazione è di imparare a usare entrambe le mani e tutte e dieci le dita. Non solo due, o peggio solo una, sullo schermo di uno smartphone.

Nel percorso di un modellista si provano tante emozioni ma quando poi si arriva a realizzare modelli come in questo Titanic, con buona parte dell’arredamento interno, le emozioni sono veramente tante. Si ricostruiscono i locali dove persone dal tragico destino hanno vissuto seppure per pochi giorni e si immaginano momenti di gioia e di disperazione.

Anche qui una considerazione. Quando ho finito di costruire i ponti del modello, ed ho sigillato il tutto, in molti mi hanno dato del pazzo: hai fatto tutto quel lavoro per poi chiuderlo e non farlo più vedere!

Per la verità, prima della chiusura, ho fatto scattare una serie completa di fotografie che si trovano sul mio sito http://www.mitidelmare.it/Ponti_del_Titanic.html

Questa decisione è stata dettata da ragioni tecniche e non solo: I ponti sono in legno e se non vengono bloccati si deformano nel tempo, è stato necessario chiudere il modello per poterlo finire esternamente, non lo si poteva portare alle mostre e sottoporlo a continui smontaggi e rimontaggi.

E poi non dimentichiamo che questa nave ha avuto un tragico destino. Sembrava, ogni volta, di sottoporla a un dissacrante spogliarello.


Se la sentirebbe di dare qualche consiglio a chi si volesse avvicinare a questo mondo straordinario?

Uno slogan che mi piace molto recita: Il modellismo, l’hobby che affascina i giovani e i diversamente giovani.

Il giovane che si appassiona al modellismo, e non solo a quello navale, sviluppa passioni e interessi che contribuiscono a “riempirgli” la vita.

I meno giovani, durante la vita lavorativa, possono trovare nel modellismo momenti di distensione e occasioni di gratificazione. I “diversamente giovani”, ormai affrancati dagli impegni quotidiani, riescono a riempire le proprie giornate rimanendo attivi “con la testa e con le mani”.

Un altro slogan che mi piace tanto recita: non si smette di giocare perché s’invecchia …s’invecchia perché si smette di giocare.

Approfitto di questo blog per rivolgermi a quei genitori che individuano nei propri figli una certa predisposizione verso questa passione. Coltivate questi interessi. Cominciate a regalare ai vostri figli scatole di montaggio semplici ma capaci sviluppare la creatività e la manualità. Incoraggiateli e aiutateli. Non lasciateli solo nelle mani dei “baby sitter elettronici”.


Possiamo chiedere alla Sua Signora se ricorda, o se entrambi ricordate, qualche aneddoto particolare sulle trasferte per le esposizioni e mostre alle quali ha partecipato il modello del Titanic?

Il Titanic, con il suo tragico destino, è rimasto impresso profondamente nell’immaginario collettivo.

Quando i visitatori vedono questo modello, rivivono un po’ la tragedia, ben descritta dal film di J. Cameron, e si lasciano trascinare da quella sensazione di mistero che circonda questa nave.

Secondo me il mistero più grande consiste nel fatto di come una nave, certamente sfortunata, riesca ancora, dopo oltre un secolo, a stimolare tante storie e tanta affannosa ricerca di situazioni strane e di complotti.

Si arriva addirittura a sostenere che la nave sia stata affondata di proposito, magari dallo stesso Comandante Smith.

Se chi racconta simili “storielle” avesse un minimo di competenza, saprebbe che lo Smith, anche se fosse impazzito e avesse deciso di cercare un iceberg sul quale dirigere la nave, con gli strumenti di navigazione dei quali disponeva all’epoca, non ci sarebbe riuscito.

Addirittura si sostiene che lo stesso Comandante Smith sia stato avvistato negli Stati Uniti dopo il naufragio (forse, a 62 anni, con qualche robusta bracciata, ha raggiunto terra - non scherziamo. Rispettiamo chi ha perso tragicamente la vita!)

Dopo soli tre giorni dall’aver sentito questa sorta d’insinuazione ho partecipato a un’importante mostra di modellismo. C’era un modellista francese, con un azzeccatissimo berretto da ufficiale di marina, che sembrava il sosia perfetto del Comandante Smith.

Mi sono fatto fotografare vicino a lui e ho spedito l’immagine all’autore di quella teoria con questo commento: “E’ vero. Ho avuto occasione di incontrare il Comandante Smith. Lui ha acconsentito a farsi fotografare con me. Io non ho avuto il coraggio di farmi raccontare la sua storia”.

Forse questo può essere considerato un aneddoto che nasconde, però, un’amara realtà. Lasciamo in pace quella nave e quei morti.

Parliamone, semmai, con il dovuto rispetto e senza speculazioni.

mercoledì 13 giugno 2018

LAVORI IN CORSO - UNCINETTO - Scialle Lost in Time

eccomi qua di nuovo...

ho scattato la foto dei primi giri dello scialle del nuovo Cal, del quale Vi avevo parlato nel post di 10 minuti fa.... rispetto alla foto che lì potete vedere, ho deciso di cambiare il filato e scegliere un cotone che avevo in casa, è molto sottile e mi piace tantissimo... l'uncinetto è un numero 2

Il modello si chiama Lost In Time

Il Cal va avanti nel gruppo Facebook "Knitting Room di Egle Breme"...

ecco il mio inizio


PS...

Sto armeggiando con il cotone e non sono sicura di aver riportato bene i dati...  

il Cal si svolge come "Evento" Facebook....  

"Cal lost in time"....   scusate il mio analfabetismo tecnologico e informatico

* * * * * * * 

18 giugno 2018

Per coloro che desiderassero eseguire il modello senza il Cal o comunque senza Facebook, lo schema, della designer Johanna Lindahl, è reperibile al seguente indirizzo

https://mijocrochet.se/2017/03/15/lost-in-time-shawl-sjal/

UNCINETTO - Borsa Market Day

Bentrovato / Bentrovata ! ! ! 

Oggi posso mostrare i risultati di una fatica molto particolare, una borsa che è stata lavorata durante un Cal   ("Crochet A Long", che significa che si lavora insieme a uncinetto un determinato modello) organizzato da Fiordilana nel 2017

Puro cotone e nelle tonalità dei blu e degli azzurri

Ho visto che la posso abbinare al cardigan Nadia, lavorato con lo stesso filato; e, riguardo la borsa, anche se al inizio mi è sembrata un po' pesante ora mi sto abituando e potrò usarla in diverse maniere .... anche forse per andare in piscina o al lago...










Nella prima foto vediamo la borsa finita, nella seconda e nella terza ci sono io pronta per andare in piscina, nella quarta foto un particolare del abbinamento al cardigan Nadia, nella ultima foto i materiali per iniziare un altro Cal, questa volta organizzato da Egle Breme, mia insegnante di Brioche.... 

...perché finito un Cal  (che in realtà la maggior parte delle partecipanti aveva finito nel giro di pochi giorni/settimane) non si può stare con le mani in mano.... bisogna iniziare un altro ...

A ritrovarci ! ! ! 


lunedì 11 giugno 2018

INSIEME - CONJUNTOS - SETS - Noche austral con luna roja

lunedì 11 giugno 2018

Cari amici, care amiche,

Sono molto contenta perché sono riuscita a finire un vestitino bimba che avevo pronto da cucire i lati da più di un mese...

eccolo qua:



è elemento di un insieme per papà, mamma e bambina

sotto invece potete vedere alcuni scatti del collo, pensato per la mamma; il primo è al inizio.







ciao ciao...

mercoledì 30 maggio 2018

LAVORI IN CORSO - MAGLIA - Plaid "Oceano della mia vita"

E per finire la carrellata di pubblicazioni di questo pomeriggio di fine maggio 2018, ecco la foto di un plaid molto facile ma con un'architettura di sicuro effetto.

Il punto è legaccio e, per chi si volesse cimentare in altri quadrati o rettangoli ecco il link di un modello Drops dove usano la stessa tecnica, loro lo chiamano quadrato domino



ecco l'inizio del lavoro, al 10% del primo gomitolo




Oltre a essere facile l'esecuzione è anche frutto di un affare, per i sette gomitoli ho pagato 7 euro... dove potremmo trovare un plaid di puro cotone a 7 euro?....  a casa nostra, ovviamente!

Il consiglio che mi sento di darVi, consiglio non richiesto ma comunque utile, è di tenere d'occhio i fornitori dei vostri prodotti preferiti perché di tanto in tanto ci sono le offerte.

Il consiglio che mi sento di darVi è di non smettere di guardare nella direzione in cui la vostra propria sensibilità trova corrispondenza.

A proposito di corrispondenza, mentre scattavo la foto mi sono ricordata di un'amica, il cui profilo in un noto Social di fotografie io seguo; alcuni giorni fa mi disse che un membro della famiglia le aveva fatto notare che stava pubblicando tante cose che a nessuno potevano interessare.

Ieri ho capito che le cose che pubblichiamo innanzitutto interessano in prima persona, a chi le pubblica, tutto parte dall' IO.... poi chi le guarda, dopo 2, 3, 4 o 5 visite, se c'è stata la fedeltà, si sarà fatto un'idea di qual'è l'argomento principale di interesse e se questo è condiviso potrà decidere in cuor suo di continuare a visitare il profilo.

Con questa logica, ha un senso raccogliere l'insieme dei nostri piaceri e interessi tutti in un luogo o in alcuni luoghi on line... 

Non ha senso pubblicare, (almeno per noi comuni mortali, i publisher business non fanno testo tra di noi) cercando di piacere a più persone possibili a tutti costi...  è assurdo, sarebbe assurdo e più che altro anche un pochino umiliante...  perché tradirebbe la massima fragilità e vulnerabilità di chi è disposto a qualunque cosa pur di un momento di attenzione.

Ma veramente siamo arrivati a questo punto? 

Ma siamo così soli che siamo disposti a investire tempo e fatica in qualcosa che potrebbe attirare l'attenzione di un pubblico non meglio specificato per il netto guadagno di una briciola di attenzione?

Ecco la misura della nostra piccolezza, siamo piccole e piccoli e bisognosi di affetto e attenzioni.

Ma siamo anche grandi e autonomi  .....  possiamo esserlo e diventarlo in qualsiasi istante...

Ieri mentre cucinavo e vedevo i cubetti di melanzane disposti in ordine sparso sul mio capiente tagliere tutt'un tratto mi sono sentita molto felice di non fotografarlo e non pubblicarlo...  "ecco un momento mio e della mia famiglia che non ha bisogno di alcun 'like' ...."

Tornando al nostro plaid, sarà un plaid estivo perché lavorato con ferri n. 3 e filato congruo 100% cotone.

la foto scattata ieri mostra il momento in cui il lato del quadrato misura 54 cm avendo consumato circa 50 % del terzo gomitolo di sette  totali.



Ho chiamato questo plaid Oceano della mia vita perché mentre lavoro una maglia diritta dietro l'altra e vedo quanto sono piccole mi accorgo che la mia vita è fatta di tantissimi, innumerevoli piccoli momenti e situazioni, alcune delle quali sono a me oscure, insondabili e ancora misteriose.... come le Fosse delle Marianne  dove la luce del sole sembra non possa arrivare...

PUNTO CROCE - Asciugapiatti 2 coccinelle più 5 rombi

Sono ancora qua....  in questo post volevo mostrarVi due asciugapiatti a punto croce...  piccole e semplice crocette per momenti di allegria...

Sono manufatti che hanno preso il largo  verso la fine del 2017, ma io Ve li faccio vedere ora nello spirito della lentezza che contraddistingue nostre conversazioni

Motivi geometrici semplici e lineari più due coccinelle





a presto!

MAGLIA - Salopettina Mia

Bentrovati amici e bentrovate amiche del blog.... oggi una piccola gioia.

Due settimane fa ho fatto questa salopettina per la bambolina di una bambina.





eccola indossata


mi sono molto divertita.... ora vorrei farne un'altra...

tutto qua....